Le infinite diversità nello spettro autistico

Convegno “Le infinite diversità nello spettro autistico” ,28-29 maggio 2015 , a Roma.

Bilancio positivo per il convegno “Le infinite diversità nello spettro autistico” , organizzato a Roma dall’associazione spazioasperger , seguito da insegnanti ,psicologi,medici e genitori,provenienti non solo dall’Italia,ma anche da Svizzera,Croazia,Slovenia,Germania,Francia e Spagna.
Il seminario del professor Tony Attwood ,massimo esperto mondiale sulla sindrome di Asperger,considerata una forma dello spettro autistico “ad alto funzionamento” ,ha coinvolto per due giornate il pubblico che ha acquisito nuove ed importanti conoscenze. Informarsi è, infatti, fondamentale per comprendere. La quarantennale esperienza del professore deriva dal contatto diretto con migliaia di pazienti .Molti Asperger finchè non sono diagnosticati ed aiutati vivono la loro condizione con estrema sofferenza perchè affrontano la vita in modo diverso e spesso vengono isolati e stigmatizzati.
Il presidente di Spazio Asperger ,Davide Moscone , con la sua associazione si propone di “divulgare conoscenza e cultura sull’autismo” perchè gran parte della popolazione è impreparata.(intervista Presidente Davide Moscone)
L’autismo è una condizione,non una malattia,della quale,per il professor Attwood, si può soffrire solo per l’atteggiamento degli altri. Il consiglio del vicepresidente David Vagni ai genitori che scoprono di avere un bambino autistico.(intervista vicepresidente David Vagni).La cattiveria,il pregiudizio e l’ignoranza,in ogni ambito della nostra società,hanno effetti davvero devastanti in chi viene additato come diverso.
Simone , 33 anni,due lauree,in procinto di ottenere la terza in psicologia,un anno fa la diagnosi di sindrome di Asperger,con la sua testimonianza,nella quale ha parlato del passato,della solitudine,di domande senza risposta e di vessazioni subite,ma anche dei suoi momenti felici,ha colpito l’intera platea alla quale ha regalato grandi emozioni ed un meraviglioso cielo stellato. E’ ,quindi,fondamentale capire che il mondo sarà sicuramente migliore riconoscendo,apprezzando e valorizzando , le eccezionali peculiarità di persone che “non pensano”,come dice Simone,”in modo diverso, ma alternativo “.

Biagina Grippo.

© Riproduzione Riservata

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: