Covid 19, De Magistris: “La Campania alza bandiera bianca”

La regione Campania annovera tra le sue pagine poco chiare la situazione sanità. Va detto che i tagli sulla salute in tutte le regioni italiane sono il frutto di politiche scellerate effettuate dai vari governi, la mia indagine mi porta a dati significativi riscontrabili dal 2000 al 2018 che non sto qui ad evidenziare per non tediare.

La Campania, regione straordinaria, non poteva non annoverare un Commissario straordinario. Difatti …  “il 22 marzo 2017. Soprattutto arriva a otto mesi dall’emendamento Pd che aveva eliminato una vecchia norma che impediva ai governatori di diventare controllori della sanità regionale commissariata. Proprio quella norma era stata denominata “pro De Luca” https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/10/campania-il-governatore-de-luca-nominato-commissario-alla-sanita/3720924/

Evidenziato questo non mi dilungo in atti teatrali successivi. A distanza di tre anni mi piace catapultarvi come succede nei migliori teatri o meglio ancora come succedeva nelle tragedie greche succede ai giorni nostri.

L’anno duemila e venti verrà ricordato nella storia mondiale come anno straordinario, come straordinarie sono state le varie posizioni: politiche, scientifiche, mediatiche e quant’altro. Straordinaria è stata la improvvisazione. Il ricoprire ruoli a cui non si appartiene…lo strafare. Esattamente quello che avvenne nella sanità campana nello “straordinario” 2017.

Oggi , dopo essere riconfermato dal 70% degli elettori campani, mi ritrovo l’ex Presidente ed ex Commissario Straordinario della Regione Campania che, disattendendo le direttive governative (DPCM) si rivolge ai cittadini campani, italiani e tutti ….in questo modo

Mi distacco dall’argomento scuola, potrebbe sembrare una posizione di difesa, esattamente come potrebbe apparire ogni mia dichiarazione una presunzione di sapere; ciò nonostante sento di esprimere alla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina la mia solidarietà per il coraggio che ha avuto nel sostenere che la vera istruzione avvenga in presenza. Per gli stessi motivi esprimo la mia vicinanza al Governo che in questa seconda fase emergenziale – dovrà inevitabilmente fare i conti con un paese deluso.

Il Braccio di ferro Regioni – Governo centrale ha condotto il Presidente De Luca al fine di sensibilizzare e quindi invitare al rispetto delle norme anti Covid a mostrare in diretta una TAC polmonare.

Personalmente ho provato rabbia e disgusto. Un’immagine poco gradita e poco educativa. A meno che non si voglia accettare definitivamente la strategia del terrore.

Nel mentre mi chiedevo se qualche DPCM o a qualche altro organo dello Stato avesse dato pieni poteri ai Presidenti di Regione…ecco che mi arriva la notifica di una diretta.

Parole misurate quelle di #LuigiDeMagistris – Sindaco di Napoli. Parole non aggressive, piuttosto invitanti ad un ravvedimento su prese di posizioni avventate da parte di un Presidente di Regione in preda al delirio. Il senso di onnipotenza di #vincenzodeluca è chiaro a tutti, esattamente come è chiaro il braccio di ferro che prova a fare con il #GovernoCentrale. La situazione in #campania è fuori controllo…in conclusione #DeMagistris invita il Governo ad intervenire.

Angelo Risi

Vietata Riproduzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: