Pontecagnano Faiano: un centro per le famiglie nell’immobile confiscato. Al via le operazioni di trasferimento degli arredi

pontecagnaano

Un centro rivolto alle problematiche familiari nell’immobile di via Piemonte confiscato dallo Stato e assegnato al Comune.

Hanno preso il via questa mattina le operazioni di trasferimento dei beni mobili dall’appartamento che dovrà ospitare gli uffici dei Servizi Sociali dell’Ente e dell’Ambito S4 del Piano di Zona.

Le attività sono state disposte dall’Amministrazione guidata dal Sindaco Ernesto Sica su autorizzazione della Prefettura di Salerno.

L’immobile è stato acquisito al Patrimonio dell’Ente nel 2013 in virtù del decreto di destinazione da parte dell’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Il Primo Cittadino Ernesto Sica, a seguito della sentenza definitiva di confisca, aveva, infatti, manifestato il formale interesse ad utilizzare il bene di via Piemonte “… per allocare servizi di carattere socio-economico, al fine di facilitare l’integrazione e migliorare le interrelazioni tra istituzioni, nel rispetto delle identità culturali”.

“Inizia un nuovo corso per questo bene confiscato che presto inaugureremo e siamo davvero orgogliosi di destinarlo ad attività di natura sociale. Le operazioni avviate questa mattina rappresentano sicuramente un ulteriore riscontro all’impegno e alla determinazione dell’Ente attraverso un atto concreto per la legalità e la collettività” dichiara il Sindaco Ernesto Sica.

“L’immobile di via Piemonte – dichiara l’Assessore alle Politiche sociali Francesco Pastore – sarà un punto di riferimento per il nostro territorio. Attraverso i Servizi sociali e l’Ambito S4 del Piano di Zona che abbiamo l’onore di guidare, garantiremo nuove opportunità, nuovi servizi e un rinnovato sostegno a 360 gradi alle problematiche che riguardano la famiglia e i cittadini. L’inaugurazione sarà una giornata di grande festa e condivisione dei principi di legalità, partecipazione sociale e giustizia”.

Comunicato Stampa

©Riproduzione Riservata

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: